La cura dei nostri denti quanto costa?

L’impianto dentale consiste nell’inserimento nell’osso della mascella di una radice artificiale realizzata in titanio. Quest’ultimo è un materiale capace di integrarsi perfettamente con il tessuto osseo circostante, consentendo al paziente di rinnovare il suo apparato masticatorio con risultati brillanti in termini sia estetici che fonetici che, last but not least, dal punto di vista della masticazione.

Prima di affrontare nello specifico il tema del costo di un impianto dentale, è bene prendere in considerazione una serie di aspetti che, in qualche modo, potrebbero influenzarne la variabilità: a quale dentista ci rivolgiamo? Dove ha lo studio? Di che tipo di strumenti e/o materiali si avvale il medico al quale ci affidiamo? Collabora con un chirurgo esterno? Segue corsi di aggiornamento? Sembreranno quesiti irrilevanti, ma hanno un loro peso sull’impianto dentale che alla fine del lavoro avremo in bocca, andando ad influire sia in termini di qualità che, ovviamente, di costo.
bocca sana
In linea generale, tuttavia, vale la pena di sapere che il costo di un impianto dentale oscilla mediamente tra i 1000 e i 2000 euro per impianto, ovvero per dente sostituito. Starà a voi poi scegliere il medico di fiducia e concordare con lui alcuni dettagli relativamente al vostro impianto: potete infatti scegliere un impianto approvato dalla FDA americana o un impianto certificato CE, una corona in resina, in ceramica ad un solo strato o in ceramica stratificata.

Volendo invece prendere in considerazione l’intera arcata, solitamente il costo dell’impiantistica dentale varia dagli 8000 euro ai 18000 euro. Un’osservazione conclusiva: poiché l’impiantologia dentale è una tecnica che richiede perizia, preparazione e grande professionalità, è sconsigliabile lasciarsi abbagliare da offerte o promozioni particolarmente accattivanti o correre il rischio di avventurarsi nel cosiddetto “turismo dentale”. E’ consigliabile, piuttosto, di affidarsi ad un professionista di fiducia che sarà a vostra completa disposizione durante tutto il periodo del trattamento, considerando i tempi di osteointegrazione dell’impianto e le eventuali complicazioni che, seppur statisticamente poco probabili, è bene tenere in considerazione.

Leave a Reply