Macchina per Caffè Espresso, la storia di alcuni dei marchi più famosi

Grazie ad un caffè possiamo tornare indietro di 200 anni

Cos’è la Macchina per Caffè Espresso?

Macchine-caffe-barSe non lo sapete non siete dei collezionisti di storia, se non le amate o non ne avete mai desiderata una, dopo questo piccolo viaggio che faremo insieme probabilmente cambierete idea!

La storia della macchina per caffè espresso è lunga e segnata da moltissimi cambiamenti, nel corso degli anni abbiamo potuto assistere ad una vera e propria trasformazione di questo oggetto. E’ una storia di grandi nomi, una storia di idee che si avvicendano, una storia di gusto e design, una storia tutta italiana.

La prima macchina per caffè espresso si affaccia in Italia alla fine dell’ottocento, nata dall’idea di un albergatore che decise di studiare e quindi creare uno strumento per poter servire in esclusiva ai suoi clienti una bevanda del tutto particolare.

Da questo input ecco che in tutta Italia pian piano nascono aziende che della progettazione e produzione di macchine da caffè fanno la loro storia.

  • Victoria Arduino, una delle più desiderate

Parliamo della Victoria Arduino, la macchina per caffè espresso bella e desiderata. Nasce nel 1905, a Torino, la Arduino. Pier Teresio Arduino, suo fondatore, dedica la sua vita alla progettazione e produzione della macchina per caffè espresso, prendendosi il merito di introdurre le prime macchine per caffè con funzionamento a vapore e di diffonderle in tutta Italia.
Darà ad una delle sue macchine più belle il nome di sua moglie, Victoria. Il simbolo di questa azienda è l’aquila reale, realizzata in bronzo cesellato a mano.

  • Un’altra macchina per caffè espresso dal nome noto, La Pavoni 

Un’altro uomo, un’altra storia, La Pavoni nasce per volontà di Desiderio Pavoni che nel 1905 decise di metter mano e sviluppare il brevetto acquistato dall’ingegner Luigi Bezzera, progettando la prima macchina per caffè espresso.
I primi modelli, sono a sviluppo verticale, in ottone cromato, lontane dal look e dal design moderno ma già molto evolute rispetto ai primissimi prototipi. La Pavoni sarà la prima azienda che collaborerà con i maggiori rappresentanti del disegno industriale Italiano.
Nel 1949, Gio Ponti , architetto e designer italiano tra i maggiori del ventesimo secolo, collabora con Rosselli e Fornaroli alla creazione de “La cornuta“, la prima macchina per caffè espresso con caldaia orizzontale, prodotta appunto da La Pavoni Spa.

  • La E61 e Faema, un grande salto di qualità

La Fabbrica Apparecchiature Elettro-Meccaniche e Affini da cui l’acronimo FAEMA, è un’azienda del gruppo Cimbali specializzata nella produzione di macchine per caffè espresso. L’ultima vintage coffee machine che vogliamo presentarvi oggi, è la E61, prodotta e lanciata in Italia da Faema nel 1961. Con questo modello la Faema s’impone sul mercato in poco tempo per l’elevato livello tecnologico e qualitativo delle sue macchine.
La E61 è infatti la prima macchina per caffè espresso in commercio che utilizza una pompa elettromeccanica in sostituzione dei pistoni a caricamento manuale o idraulico. L’innovativo sistema di infusione si avverte in maniera forte nella qualità e nel gusto dei caffè erogati da questa macchina.

Leave a Reply